Rassegna 25 febbraio – 3 marzo 2019

LEGA ARABA

Europei e arabi convengono di rafforzare la loro cooperazione

I capi di Stato e di governo degli Stati membri dell’UE e della Lega degli Stati arabi hanno concordato al primo vertice UE-Lega araba di rafforzare la cooperazione tra le due entità regionali. “È tempo di rendere la partnership tra il mondo arabo e l’Europa realtà”, ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. La dichiarazione finale ha affrontato le questioni migratorie, ha fatto riferimento a terrorismo, radicalizzazione, azioni destabilizzanti, proliferazione, traffico illecito di armi e criminalità organizzata”. Inoltre, si è affrontata la questione di Siria, Yemen, Libia e la situazione dei palestinesi.

EP2019

Fratelli d’Italia entra in Alliance of European Conservatives and Reformists

Il partito italiano Fratelli d’Italia, guidato da Giorgia Meloni, è ora membro dell’Alliance of European Conservatives and Reformists (ECR). “L’Italia svolgerà un ruolo cruciale nelle prossime elezioni europee e nel futuro dell’Europa e sono felice di accogliere Giorgia Meloni e il suo partito Fratelli d’Italia nella nostra famiglia ECR oggi”, ha affermato Jan Zahradil (ECR, Repubblica Ceca), candidato principale alla lista dei conservatori europei per le elezioni europee.

PAKISTAN

Mogherini chiede l’urgente disinnesco della tensione con l’India

In una conversazione telefonica con il ministro degli Esteri pakistano, il 24 febbraio, l’alto rappresentante dell’Unione europea Federica Mogherini ha sottolineato “l’urgente necessità di disinnescare” le tensioni tra Pakistan e India dopo un attacco suicida nel Kashmir indiano che ha ucciso 41 Paramilitari indiani ed è stato rivendicato da un gruppo islamista con base in Pakistan. “La politica dell’Unione europea è sempre stata quella di promuovere un dialogo per risolvere le differenze”, ha affermato il SEAE.

CLIMA

Dall’UE 10 miliardi in tecnologie innovative tra il 2020 e il 2030

Grazie al Fondo per l’innovazione, creato nell’ambito del sistema europeo di scambio di quote di emissioni, circa 10 miliardi di euro saranno investiti dall’UE per incoraggiare tecnologie innovative a basse emissioni di carbonio tra il 2020 e il 2030, ha spiegato la Commissione europea martedì 26 febbraio. “Oggi stiamo proponendo soluzioni tecnologiche in tutti gli Stati membri e premendo il pulsante di avanzamento rapido nella nostra transizione verso una società moderna rispetto al clima in Europa”, commenta il commissario per l’Azione per il clima e l’energia, Miguel Arias Cañete.

MIGRAZIONE

La Commissione risponde alle fake news di Budapest sulle politiche migratorie

Giovedì 28 febbraio, la Commissione europea ha pubblicato un opuscolo rispondendo punto per punto alle dichiarazioni del governo ungherese sulle politiche migratorie europee in una campagna di informazione. In questo opuscolo, la Commissione spiega le sue azioni riguardanti sia le “quote obbligatorie per i richiedenti asilo” che “il reinsediamento obbligatorio”, come affermato dalla campagna ungherese. Il reinsediamento rimane volontario nell’UE e l’idea di quote obbligatorie per il trasferimento dei richiedenti asilo per tutti gli Stati membri è stata abbandonata. Infine, la Commissione spiega che non ha ridotto i fondi europei per i paesi che si oppongono alla migrazione, ma ha reso disponibili più fondi per i paesi che affrontano la migrazione.

REGNO UNITO

I deputati britannici approvano la richiesta di un’estensione sulla Brexit

Mercoledì 27 febbraio, i deputati britannici hanno appoggiato la strategia della leader britannica Theresa May per chiedere un rinvio della data dell’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, mediante una proroga del termine di negoziazione stabilito all’articolo 50 del trattato.

EPP

In discussione l’appartenenza di Orbán alla famiglia del PPE

Il Partito popolare europeo (PPE) vorrebbe riconsiderare l’adesione di Viktor Orbán, il primo ministro ungherese, al suo vertice del 20 marzo. Non è la prima volta che il PPE discute del comportamento di Orbán, il cui partito al governo Fidesz è in conflitto con i suoi valori fondamentali. Ma la polemica sull’appartenenza del partito Fidesz ungherese al PPE è cresciuta negli ultimi giorni con la nuova campagna “anti-Bruxelles” e “anti-migrazione” lanciata dal governo ungherese, che ha preso di mira direttamente il presidente della Commissione europea, Jean- Claude Juncker, lui stesso membro del PPE.

PALESTINA

Nuovo accordo tra UE e UNRWA da 82 milioni di euro

L’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e il lavoro per i profughi della Palestina (UNRWA) ha annunciato mercoledì 27 febbraio la firma di un accordo per un nuovo contributo dell’UE di 82 milioni di euro. “Alla luce delle continue sfide finanziarie dell’Agenzia, l’UE ha accettato di fornire la totalità dei suoi finanziamenti immediatamente dopo la firma dell’accordo”, ha spiegato l’UNRWA. Questo nuovo sostegno contribuirà a preservare l’accesso all’istruzione per 532.000 bambini, fornendo assistenza sanitaria di base a più di 3,5 milioni di pazienti e assistenza a oltre 250.000 rifugiati palestinesi estremamente vulnerabili.

OCCUPAZIONE

Eurostat: disoccupazione nell’UE più bassa dall’inizio del secolo

Il tasso di disoccupazione nell’Unione europea si è attestato al 6,5% nel gennaio 2019, il livello più basso dal gennaio 2000 e l’inizio delle serie mensili sulla disoccupazione dell’UE, secondo gli ultimi dati dal Parlamento europeo Ufficio statistico dell’Unione (Eurostat) pubblicato venerdì 1° marzo. Questa cifra è il risultato di un graduale calo del tasso di disoccupazione europeo negli ultimi cinque anni, dal 7,2% al 6,6% tra gennaio e dicembre 2018. Rispetto a gennaio 2018, si stima che la disoccupazione nell’UE sia diminuita di 1.536 milioni di persone.