Più riforme per assicurare il rispetto dei diritti umani alla popolazione qatarina

È stato un invito a continuare con il percorso delle riforme ciò che ho avanzato, in qualità di presidente della Sottocommissione per i Diritti umani, al primo ministro del Qatar in una visita che si è svolta domenica 8 aprile.

Ho incontrato il primo ministro Abdullah bin Nasser bin Khalifa al-Thani a Doha e insieme abbiamo discusso delle riforme nel campo dei diritti umani messe in atto dal suo Paese, passi certamente importanti per il futuro e per il benessere della popolazione, ma che tuttavia hanno la necessità di essere ulteriormente incrementati.

I diritti umani sono stati anche protagonisti dell’incontro avvenuto il 6 aprile con Ali bin Samikh Al-Marri, presidente della Commissione nazionale del Qatar per i diritti umani: oltre che delle riforme attuate dal Paese, si sono analizzate le dure ripercussioni che l’embargo dei Paesi del Golfo ha causato alla popolazione civile qatarina.

Si è parlato inoltre dei diritti dei lavoratori nel corso della riunione organizzata con i rappresentanti dei lavoratori delle comunità indiane, filippine e nepalesi. Ho ascoltato le problematiche esistenti in questa parte di mondo del lavoro e insieme abbiamo concordato sulla necessità di impegnarsi affinché vengano garantite migliori condizioni di lavoro e salari dignitosi, specialmente per i lavoratori impiegati nei settori edili e domestici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *