Intervista – Radio Articolo 1 – Questione Orban: per l’Europa è un’ottima giornata

Questione Orban: per l’Europa è un’ottima giornata

Non so se il voto di oggi a Strasburgo sull’Ungheria sia un punto di svolta, sicuramente è un’ottima giornata che ha evidenziato un comportamento da parte dei parlamentari europei coerente con l’impostazione che deve avere un’istituzione come il Parlamento europeo che si batte per i diritti.

Questo voto fa comprendere all’opinione pubblica europea che il fatto che Orban abbia avuto un consenso elettorale importante, non rende automatico che il consenso si debba tradurre le decisioni illiberali. Un ragionamento errato che si propone anche in Italia. Anche se si ha avuto il consenso, si deve stare alle regole del gioco democratico e anche agli accordi transnazionali che sono stati stretti con altri soggetti.

Il messaggio esplicito che mandiamo è che i cambiamenti che ci sono stati in Ungheria non rispettano le regole del gioco e sono al di fuori dei valori e dei diritti che l’Unione europea si è data. Quindi è giusto che Orban con il suo governo venga richiamato a rientrare nei canoni.

La procedura prevede che dopo questo voto la parola passi al Consiglio. Se oggi noi fossimo in presenza di una richiesta da parte dell’Ungheria di entrare in Europa, l’Europa potrebbe accettare questa richiesta? La risposta che unanimemente si darebbe è no. Potrebbe entrare solo nel momento in cui Orban cambi le norme illiberali che si è dato sia nei confronti delle università, dei migranti, dei media e nelle libertà di associazione.

|Ascolta l’intervista|

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.