Il leader dell’opposizione etiope finalmente libero

È un grande sollievo la notizia della liberazione di Merera Gudina, leader del partito di opposizione etiope Oromo Federalist Congress. Una vittoria non solo per il coraggioso difensore dei diritti umani e per i suoi cari, ma per tutto il Parlamento europeo che ha preso a cuore la storia di Merera, impegnandosi in prima linea affinché fosse liberato.

Merera Gudina, infatti, fu arrestato subito dopo la sua visita al Parlamento europeo, nel novembre 2016. Si era recato a Bruxelles per partecipare a una riunione in cui si discuteva del delicato tema dei diritti umani in Etiopia. Nel suo discorso rivolto all’istituzione europea, il leader africano criticò lo stato di emergenza imposto nel suo Paese nell’ottobre 2016 in risposta alle crescenti ondate di proteste da parte dei cittadini.

Non fece in tempo nemmeno a rientrare a casa, perché degli agenti erano pronti ad aspettarlo all’aeroporto di Addis Abeba, per procedere con l’arresto non appena avesse toccato suolo etiope. Secondo le accuse, Merera Gudina avrebbe violato lo stato di emergenza dell’Etiopia stringendo contatti con gruppi “terroristi” e “anti-pacifisti” e approfittando della visita a Bruxelles per comunicare con un altro politico di opposizione. Il leader si dichiarò innocente, ma questo non bastò per impedirgli oltre un anno di reclusione.

Da allora, il Parlamento europeo, altri membri della sottocommissione per i diritti umani e io stesso in qualità di presidente della sottocommissione abbiamo continuato a sollecitare il governo etiope affinché fosse rilasciato. Sono contento che i nostri sforzi non siano stati vani e che mercoledì 17 gennaio si sia potuti giungere a questa significativa vittoria.

Inoltre, la liberazione del professor Merera Gudina non è un raggio isolato di luce. Il governo etiope, infatti, ha annunciato la liberazione di altre centinaia di prigionieri politici. La reazione positiva a queste mosse dovrebbe incoraggiare il governo etiope a liberare tutti i rimanenti prigionieri di coscienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *