Home » Scritti

Scritti

Ecco perché l’ accordo con il Governo di Tripoli non rappresenta una soluzione al problema della migrazione dalla Libia

libia-cnt

Sono trascorsi diversi mesi da quando l’Italia ha stipulato un accordo col governo libico di Al Sarraj con l’obiettivo di ridurre il numero di migranti provenienti dal Paese nordafricano. Per tracciare una prima valutazione, è utile fare un passo indietro. La Libia vive una fase di instabilità ininterrotta da quando, nel 2011, è stato deposto Gheddafi. Per anni milizie avverse ...

Leggi tutto »

Editoriale newsletter di Giugno

Il Parlamento Europeo ha approvato con 474 voti a favore la Relazione 2016 sul Kosovo, del quale sono relatore ombra, che prevede l’accordo di stabilizzazione e di associazione tra l’UE e il Kosovo. Riteniamo questo un primo passo importante verso l’integrazione del Kosovo in Europa, anche se cruciali sono i fattori che ancora impediscono al Kosovo una completa integrazione: il ...

Leggi tutto »

Alcuni Paesi Arabi rompono i legami diplomatici con il Qatar

Pochi giorni fa alcuni Paesi Arabi hanno comunicato che avrebbero rotto i legami diplomatici con il Qatar. Un annuncio che potrebbe avere conseguenze molto pesanti sul già complicato scacchiere del mondo arabo. Arabia Saudita, Egitto, Emirati Arabi Uniti e Bahrain sono stati i promotori dell’iniziativa, a cui si sono aggregati anche il governo dello Yemen e il governo libico di ...

Leggi tutto »

I problemi militari di Daesh in Siria e Iraq potrebbero trasformarsi in un grande rischio per l’Europa

conflitto in Siria

I problemi militari di Daesh in Siria e Iraq potrebbero trasformarsi in un grande rischio per l’Europa. Lo afferma da tempo Jeffrey Feltman, sottosegretario per gli Affari Politici presso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Nel report sulle minacce poste dallo Stato Islamico, uscito nel febbraio di quest’anno, Feltman evidenziava come la riduzione dei territori controllati direttamente da Daesh ...

Leggi tutto »

In Egitto la comunità copta è stata colpita ancora una volta dalla violenza fondamentalista

In Egitto la comunità copta è stata colpita ancora una volta dalla violenza fondamentalista. Un convoglio di autobus che trasportava fedeli diretti al monastero cristiano di Anba Samuel è stato attaccato da diversi uomini dal volto coperto. Lo Stato Islamico ha tardato qualche ora a rivendicare l’attentato, ma del resto la matrice era chiara. Da tempo infatti la grande comunità ...

Leggi tutto »

Trump in visita diplomatica in Arabia Saudita

Sembrano passati decenni, anziché pochi mesi, da quando Donald Trump, nella corsa per la nomination repubblicana e poi per la Casa Bianca, faceva parlare di sé per le sue posizioni sul mondo musulmano. In quei giorni concitati il tycoon americano aveva lanciato messaggi difficili da dimenticare: in primo luogo che l’Islam odiasse l’Occidente e inoltre che tracciare una linea di ...

Leggi tutto »

Editoriale newsletter Maggio

In aprile è stato pubblicato un articolo sul giornale russo indipendente “Novaja Gazeta”, che denunciava il rapimento e la detenzione in Cecenia di oltre un centinaio di uomini, gay o considerati e percepiti come tali. Questo blitz pare essere avvenuto nell’ambito di una campagna presumibilmente organizzata dalle autorità e dalle forze di sicurezza della repubblica su ordine diretto del presidente ...

Leggi tutto »

Immigrazione: l’Italia non può pagare per tutti

Si è tenuta il 12 e 13 maggio a  Roma l’Assemblea dell’Unione per il Mediterraneo, l’organizzazione intergovernativa composta dai  membri dell’UE e da 15 Paesi del Mediterraneo meridionale e orientale. La globalizzazione e l’esito contraddittorio dei cambiamenti intervenuti dal 2011 in alcuni paesi nordafricani, fanno del “nostro mare” l’epicentro delle difficoltà mondiali,  che dall’economia si sono trasferite alla società ed ...

Leggi tutto »

Algeria “elezioni senza significato”

Il quotidiano francese Le Monde le ha definite “elezioni senza significato”. E in effetti le elezioni legislative algerine, che si sono svolte il 4 maggio, hanno restituito l’immagine di un Paese immobile e incapace di rinnovarsi. A prevalere è stato, ancora una volta, lo status quo. La distribuzione dei seggi dell’Assemblea Popolare Nazionale – il Parlamento algerino – ha confermato ...

Leggi tutto »

La sfida della monarchia saudita per il futuro

Sono trascorsi alcuni mesi dal lancio di Vision 2030, il piano di riforme economiche portato avanti da Mohamed Ben Salman, principe ereditario del re Salman. L’oro nero, il cui prezzo è calato vertiginosamente negli ultimi anni, non sembra più in grado di mantenere gli standard di ricchezza a cui erano abituati i sauditi. Così la monarchia si è trovata di ...

Leggi tutto »

Ebrei ei Palestinesi si fanno la guerra nei libri di scuola

I libri di scuola sono un elemento importante per educare le nuove generazioni; proprio per questo in alcuni casi possono anche diventare terreno di scontro ed essere utilizzati per rivendicare la propria identità nazionale o i propri diritti storici. Questo tipo di dinamica è evidente più che altrove nei rapporti fra Israele e Palestina: da tempo ogni parte accusa l’altra ...

Leggi tutto »

Da oggi Ankara torna a far parte del Medioriente

bandieraturchia

Recep Tayyip Erdogan sembra aver vinto la sua scommessa. Il referendum costituzionale ha sancito il consenso della popolazione turca al piano di accentramento di poteri dell’attuale presidente. Certo, non si tratta di un plebiscito: la differenza fra chi ha votato sì e chi si è opposto alla proposta di riforma è ristretta, e i partiti contrari al progetto politico di ...

Leggi tutto »

Quel clima di impunità che spaventa

L’ISIS non ha tardato a rivendicare l’attentato che, in Egitto, ha colpito la minoranza religiosa copta che stava celebrando la domenica delle Palme. A essere prese di mira, due chiese nelle località di Tanta e Alessandria. Le vittime sono una quarantina, molti di più i feriti. I copti egiziani sono la più ampia minoranza del Paese: costituiscono infatti il 10% ...

Leggi tutto »

Editoriale newsletter Aprile

“Immagini sconvolgenti, l’umanità è morta oggi in Siria”, ha dichiarato il portavoce di Unicef-Italia. Queste parole riassumono, seppur nella loro brevità, ciò che è accaduto in Siria nei giorni scorsi: il conflitto ha raggiunto (ormai da tempo) livelli disumani e non più accettabili. Il bilancio per la popolazione siriana è drammatico: i morti sono incalcolabili; dei 22 milioni di abitanti, ...

Leggi tutto »

Quei profughi siriani accolti in Turchia e trattati da schiavi

Dopo sei anni di guerra, il bilancio per la popolazione siriana è drammatico: dei 22 milioni di abitanti, la metà ha dovuto abbandonare le proprie case. Secondo un’analisi dell’UNHCR, l’Agenzia ONU dei rifugiati, oltre sei milioni di rifugiati si trovano ancora all’interno del Paese; un milione e duecentomila persone hanno raggiunto l’Europa, dove una parte consistente (quasi 300 000 persone) ...

Leggi tutto »