Caso Khashoggi: “Rivedere le relazioni diplomatiche con Riad”

Questa mattina Hatice Cengiz, fidanzata di Jamal Khashoggi, mi ha inviato una lettera. Quanto da lei scritto basta per capire quanto è avvenuto a Istanbul, che una commissione di inchiesta potrà solo confermare.

È del tutto ridicolo sostenere che quindici uomini arrivati da Riad siano entrati nel consolato a Istanbul, abbiano torturato e ucciso un giornalista operando all’oscuro dal principe ereditario.

Ciò che è successo non è solo un fatto di gravità inaudita, ma dimostra ancora una volta che i cambiamenti annunciati da Bin Salman, con il suo tour nelle capitali mondiali, non sono stati altro che una copertura, mentre il regime ha continuato a comportarsi in modo autoritario e repressivo.

Quanto è avvenuto impone all’Unione europea, agli Stati membri, compreso il mio, di chiudere una fase politica improntata al realismo e di riconsiderare il quadro delle relazioni diplomatiche con Riad, prevedendo da un lato la sospensione del commercio delle armi e dall’altro sanzioni mirate nei confronti dell’attuale leadership.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.